Sogno di una TBR di mezza estate

To be read, certo.. Ma entro quando? Le liste di libri da leggere sono croce e delizia dei lettori appassionati, i quali sanno quanto sia difficile rispettare la tabella di marcia e affrontare uno per uno tutti i volumi addormentati sugli scaffali. Questi si accumulano e accumulano, “ma che fare?”, come direbbe il buon Stepàn Oblònskij di “Anna Karenina“. La tentazione di adottarli dal negozio è troppo forte! Ma se è vero che “Readers gonna read“, allora non perdiamoci in vaneggiamenti e iniziamo subito: eccovi la mia lista di libri che devo assolutamente leggere entro settembre 2016.

Le luci di settembre di Carlos Ruiz Zafon

trama: Francia, anni Trenta. Armand Sauvelle muore all’improvviso, lasciando la moglie Simone e i due figli Irene e Dorian in gravi condizioni economiche. Dopo una serie di mesi bui per la famiglia, finalmente arriva una buona occasione: a Simone viene offerto un posto di lavoro come governante nella dimora di Cravenmoore, del ricco ingegnere e giocattolaio Lazarus Jann. La famiglia Sauvelle si trasferisce perciò nel piccolo paese di Baia Azzurra, in Normandia, dove si trova Cravenmoore, la sinistra abitazione di Lazarus Jann, in cui vivono soltanto il suo proprietario, sua moglie, inferma e segregata nelle sue stanze, e una giovane domestica, Hannah. Simone e i suoi figli credono di aver trovato la pace che cercavano, ma ben presto capiranno di essersi sbagliati. Una notte Hannah viene ritrovata morta all’interno del bosco che circonda Cravenmoore, e da quel momento una fitta rete di misteri e strani avvenimenti inizia ad addensarsi intorno alla figura del giocattolaio e alla sua strana casa, popolata da giocattoli grotteschi e inquietatnti frutto delle sue invenzioni.

pagine: 268

lingua: italiana

editore: Mondadori

commento: è in lettura proprio mentre scrivo e mi sta piacendo parecchio. Fa parte della cosiddetta Trilogia della nebbia, ma ogni romanzo può anche essere letto come singolo. Credo di avere una crush letteraria per questo autore, scoperto solo da qualche mese. Mi piacerebbe però parlarvi meglio della Trilogia in un articolo a parte, per poter entrare meglio nel dettaglio.

Stardust di Neil Gaiman

trama: il protagonista è Tristran Thorn, un giovane che abita a Wall, paesino confinante tra il suo mondo, l’Inghilterra del 1800, e un mondo fantastico di nome Faerie, che si trova al di là di un muro, sempre sotto osservazione grazie a  turni di guardia. Solo una volta ogni nove anni, in occasione del grande mercato, le creature fantastiche che vivono a Faerie varcano il muro e si mescolano agli umani per qualche giorno. Una notte, Tristran promette alla ragazza di cui è innamorato che per dimostrare la sua dedizione andrà dall’altra parte del muro e le porterà una stella caduta. Comincia così il viaggio di Tristran alla ricerca della stella, sulle cui tracce si stanno muovendo anche numerose creature magiche e malvagie.

pagine: 246

lingua: italiana

editore: Oscar Mondadori

commento: anche questo è in lettura. Molto carino, una fiaba da leggere prima di addormentarsi, perfetta anche per i bambini, o forse sarebbe meglio dire che si tratta di una storia per bambini piacevole anche per gli adulti! Tuttavia mi aspettavo qualcosa di più da questo romanzo. Anni fa avevo visto la trasposizione cinematografica, intitolata anch’essa “Stardust”; ne ero rimasta così entusiasta che mi sono ripromessa di andare a recuperare il libro, ma ora che lo sto leggendo, la magia che credevo di ritrovare fatica un po’ a ricrearsi. Peccato, ma in ogni caso devo ancora terminarlo, quindi potrò dare un giudizio definitivo soltanto tra qualche tempo.

Smith & Wesson di Alessandro Baricco

trama: Tom Smith e Jerry Wesson vivono di piccoli espedienti. I due si conoscono non lontano dalle cascate del Niagara. Il primo si è inventato meteorologo e raccoglie su un taccuino i dati sul tempo in base ai ricordi della gente ipotizzando di poter prevedere le condizioni meteorologiche future dalle statistiche che via via annota. Wesson invece è un pescatore, nel senso che pesca i corpi di chi si suicida gettandosi nelle cascate. Un giorno a casa di Wesson si presenta Rachel Green, una giovanissima giornalista che sogna di diventare famosa e di poter scrivere un articolo sensazionale tutto suo. Ma ha bisogno di una storia memorabile e, prima di scriverla, è disposta a viverla in prima persona. Dato che tutti quelli che si buttavano non sopravvivevano, a Rachel era venuta l’idea che le avrebbe cambiato la vita: sarebbe stata la prima persona ad affrontare il salto delle cascate uscendone viva. Chiede l’aiuto ai due per studiare come fare. L’idea è quella di farsi chiudersi in una botte a tenuta stagna. Le cose pero’ non andranno come sperato.

pagine: 108

lingua: italiana

editore: Universale Economica Feltrinelli

commento: era da tempo che volevo approcciarmi a questo autore; questa convinzione è stata rafforzata quando un’amica mi ha fatto leggere qualche stralcio di un altro suo romanzo, “Oceano mare”, e mi sono subito sentita affine a questo particolare stile di scrittura. Sapete quella sensazione che vi fa pensare che quel libro vi porterà grandi emozioni, che sembra scritto apposta per voi? Ecco, per me è questo il caso! Spero si riveli all’altezza delle aspettative che mi sono fatta.

Il peso della farfalla di Erri De Luca

trama: Il re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. E’ novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l’odore dell’uomo, dell’assassino di sua madre. Anche l’uomo, quell’uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell’uomo porta, impropriamente, il nome di “re dei camosci” – per quanti ne aveva uccisi. Ha una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non lasciava mai la bestia ferita, l’abbatteva con un solo colpo. Erri De Luca spia l’imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l’immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l’attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini.

pagine: 70

lingua: italiana

editore: Universale Economica Feltrinelli

commento: in realtà sono sempre stata affascinata dalle copertine dei romanzi di De Luca, ma per qualche motivo le trame non mi catturavano. Recentemente però, complice lo sconto Feltrinelli del “prendi due e paghi 9,90 euro”, ho deciso di acquistare proprio questo perché credo possa darmi il tipo di insegnamento di vita che mi ha lasciato “La strada” di Cormac McCarthy, romanzo che ho adorato. La trama sembra molto insolita e i punti di vista dell’uomo protagonista e del camoscio che si dovrebbero alternare nel racconto mi incuriosiscono non poco.

 

Ed eccovi qui i miei pochi, scelti, romanzi da leggere entro settembre. Sperando di portare a termine questo proposito, auguro a tutti gli appassionati lettori di riuscire a fare lo stesso.

E voi, quali libri state leggendo in questo momento, e quali contate di terminare entro la fine dell’estate? Scrivetelo nei commenti! Troverò sicuramente degli spunti per le mie future TBR!

A presto,

Bea

Annunci

5 thoughts on “Sogno di una TBR di mezza estate

  1. Ehi S.! Come promesso, ecco qui la tua B.<3 Wow, mi piace molto questo tuo progetto! Allora sono molto incuriosita soprattutto dai primi due libri, il primo in particolar modo per l'ambientazione "vintage" (permettimi il termine 😉 ) e il secondo ovviamente perché sembra mezzo fantasy se non ho capito male. Poi "faerie" mi riporta al mondo del mio scrittore preferito. Davvero c'è anche il film e ti è piaciuto molto? Perfetto, inserito nella lista :). Come sai, sono in una "pausa di riflessione" dalla lettura, ho iniziato la settimana scorsa "Le avventure di Gordon Pym" perché l'avevo acquistato tanto tempo fa e prima o poi dovevo iniziarlo, no? è un romanzo di Edgar Allan Poe, quindi un "classico", genere che adoro, certo, ma non ho mai la forza di leggere. Ho letto solo 3 capitoli (a fatica) anche se mi dispiace perché è molto intrigante, ed è una storia di pirati immagino, è ambientato su una nave dell' '800, anche se essendo all'inizio e pieno di misteri è difficile da dire. Riuscirò a finirlo entro la fine dell'anno (sulla fine dell'estate non ci giurerei)? Riuscirà a tornarmi la voglia di leggere? Hope so. Magari proprio i tuoi consigli mi aiuteranno.
    XO BLAIR

    Mi piace

    1. ciao Blair! 🙂 da come hai spiegato, sembra interessante questo libro! Anche io mi faccio spesso frenare dal fatto che siano dei classici, però alcuni di questi risultano così attuali che sembrano scritti qualche anno fa! Quindi ti auguro di uscire dal temibile blocco del lettore, e mi farai sapere com’è andata! 😘

      Mi piace

      1. spero che dia una svolta al mio blocco, a volte ho come l’impressione che i libri migliori li abbia già letti tutti.
        More when I know more 😄
        B.

        Mi piace

      2. Io a volte, quando un romanzo mi è piacuto tanto, vorrei quasi non averlo letto per potermelo gustare come fosse la prima lettura! Ma si trova sempre qualcosa di nuovo ed interessante, per fortuna!!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...