Riverdale Book Tag

Salve a tutti! Oggi mi cimenterò in un interessante Book Tag scoperto su WordPress dal post di Jejesunflower (la versione originale la potete trovare nel video di Catsandcamera). Le domande sono ispirate ad una serie tv che ho apprezzato molto per le atmosfere cupe e i colori vibranti che ‘bucano lo schermo’: “Riverdale”. Buona lettura!

 

 

 

 

1.Archie – Un libro con grandi personaggi non principali

Promotional_Photo_Archie_Andrews

“Anna Karenina” di Lev Tolsoj, con riferimento a Levin. Credo ormai sappiate, da tutti i miei Tag, quanto io ami questo personaggio: ha una sensibilità non comune e profondamente legata alla natura, possiede sani valori e ritiene l’amore familiare una delle cose più importanti nella vita. Devo dire che l’ho preferito a Vronskij ed ad Anna, i veri e propri protagonisti del romanzo, se vogliamo.

 

 2.Jughead – Un personaggio proveniente da una famiglia disagiata

11111.jpg

Davide e Giulia Colla del romanzo “Radiomorte” di Gianluca Morozzi provengono da una famiglia molto più che disagiata: la definirei folle e psicologicamente disturbata. I genitori hanno compiuto gesti imperdonabili nel loro passato, gesti che li hanno resi disumani. Gesti che sarebbero pronti a ricommettere immediatamente, senza il minimo rimorso.

(qui la recensione: “If you want blood, you’ve got it” )

 

3.Veronica – Un personaggio che avrebbe potuto essere unidimensionale

Promotional_Photo_Veronica_Lodge

Wren Avery in “Fangirl” di Rainbow Rowell. E’ la classica ragazza carina e popolare dei college americani; ha tanti amici ed è riconosciuta da tutti per la sua simpatia e  frizzantezza. Questo stereotipo tuttavia cade nel romanzo della Rowell, nel momento in cui Wren dovrà fare la pace con i propri demoni interiori.

(qui la recensione: Se vuoi conoscerti, scrivi )

 

 4.Betty – Un fantastico rapporto tra fratelli

Promotional_Photo_Betty_Cooper

“Il palazzo della mezzanotte” di Carlos Ruiz Zafon vede la costruzione e il consolidamento dell’affetto dei fratelli gemelli Ben e Sheere, che inizialmente non si conoscono poichè hanno abitato per anni lontani l’uno dall’altra, ma che poi si ritroveranno catapultati insieme in una situazione avventurosa e drammatica.

(qui la recensione: “Il Palazzo della Mezzanotte” di Carlos Ruiz Zafon )

 

 5.Cheryl – Un personaggio che fa il duro ma che in realtà è pieno di emozioni

1

“La fantastica storia dell’ottantunenne investito dal camioncino del latte” di J. B. Morrison racconta di questo vecchietto vedovo che è deciso a non farsi aiutare da nessuno nella vita quotidiana, nemmeno dalla figlia, che per sopperire alla lontananza è decisa ad assumere a distanza un’infermiera che si assicuri che vada tutto bene visitandolo regolarmente a casa ogni settimana. In realtà la dura corazza del protagonista si crepa quando fa la conoscenza dell’infermiera Kelly, e sarà un rapporto dolcissimo e commovente.

6.Polly – Un personaggio che viene rinchiuso

Season_1_Episode_8_The_Outsiders_Polly_4

Mi è venuta subito in mente la saga di “Hunger Games” con il personaggio di Katniss Everdeen, che decide volontariamente di farsi rinchiudere all’interno della terribile e sanguinosa Arena al posto della sorella minore e di combattere fino alla morte.

7.Kevin – Un personaggio lgbtqia+

riverdale-queer-representation-kevin-keller

Eddy nel romanzo “En finir avec Eddy Bellegueule” di Édouard Louis è un giovane gay che scopre la sessualità in modo violento e sbagliato, deriso da un mondo che considera gli omosessuali come ‘malati’ e meritevoli di essere pestati a sangue, un mondo crudele e fatto di ignoranza. Un racconto crudo e senza filtri di una società retrogada e con mentalità chiusa.

 

8.Jason – La morte di un personaggio che ti ha reso infelice oppure che ti ha fatto esclamare ‘finalmente!’

Riverdale-Jason-Blossom.jpg

Quando Gally della saga di “Maze Runner” è stato dichiarato morto, non nascondo di esserne stata davvero felice, soprattutto dopo l’ultimo affronto questo ha fatto ai suoi compagni. Successivamente le cose non rimarranno proprio così, ma dato che non voglio spoilerare nulla a chi non lo avesse ancora letto, mi limiterò a dire che quello è stato un bel momento!

 

9.Riverdale – Un mondo ben costruito

“Memorie di una geisha” di Arthur Golden è un libro costruito perfettamente: il lettore si ritrova catapultato completamente all’interno di un antico ed elegante universo giapponese, fatto di alberi di ciliegio, inarrivabili geishe che versanno il the e costrizioni sociali rigide e condivise da tutti.

 

Questa invece è la domanda aggiuntiva che propone Jejesunflower:

Wild Card: Un libro in cui vengono rivelati retroscena che non vi sareste mai immaginati o con un grande plot twist venuto fuori dal nulla

Nomino senza ombra di dubbio “Tony & Susan” di Austin Wright; la trama è un continuo crescendo di suspence e scoperte sconvolgenti. Le vite dei protagonisti entrano fino all’osso nel lettore e lo turbano, lo coinvolgono nelle loro storie tormentate e piene di rimorsi e vendette. Verso la fine poi un twist in particolare fa comprendere tutto il quadro generale, chiudendo perfettamente un cerchio aperto centinaia di pagine prima.

 

 

 

 

 

E voi conoscevate i libri che ho citato? Vi sono piaciuti o vi interesserebbe leggerli? Fatemi sapere!

A presto,

Bea

Annunci

2 thoughts on “Riverdale Book Tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...